RSS

Poesia – due

29 Lug

A quanto pare, poetare va ancora di moda. Credo si tratti un po’ dell’effetto “letteratura italiana” ma sto estraendo dal cilindro un po’ delle mie vecchie poesie. Probabilmente dopo il weekend ne pubblicherò un’altra, dalla seconda – incompiuta – raccolta.
Se Requiem era triste, questa non è allegra. Dopotutto le opere di quella raccolta hanno quest’impronta; son si giovanili ma non per questo gioviali.
Vi lascio allora a riflettere su questi testi; spero che possano dire qualcosa non solo a me ma anche ai lettori peregrini.

 

Le prove dell’arcana sapienza
celiamo al mondo dei mortali
e racchiudiamo negli scrigni del sapere
le antiche leggende
o i progetti che saranno;
lenta, logora la carta
la pioggia e la luce della Luna,
ancor più sottile,
filtra attraverso un chiavistello incantato
sui rotoli di parole ora trascritte.
Così svanisce ciò che bramiamo,
una lenta dissolvenza
come di musica di liuto
da un suonatore in cammino che,
solerte, lascia la piazza
al prossimo numero.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 luglio 2011 in Poesia

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: