RSS

Archivi tag: Massoneria

Scomuniche, comunisti e Berlusconi


Purtroppo la preparazione degli esami rallenta ogni altra attività; tuttavia studiare filosofia (della scienza) aiuta indubbiamente a pensare.

Oggi post brevissimo, un po’ fuori tema ma di indubbio interesse personale; vi sottoporrò un sillogismo, un semplice passaggio logico al quale ho affidato un importante messaggio. Chiarisco da subito che è un gioco e che non intendo “far propaganda” a questo modo – la situazione è ben più tragica e suggerisce soluzioni ben più drastiche. Tuttavia è un gioco d’intelletto che vorrei analizzaste, contestaste e, magari validaste. Il solito processo scientifico popperiano, in pratica.

Tre dati di fatto:
La massoneria è stata scomunicata nel 1738 (bolla “In eminentiapostulatus” di Clemente XII); ribadita attraverso i secoli, apparentemente abolita nel 1983, riconfermata come interpretazione di un canone del Diritto Canonico più ampio con tanto di diffida dall’appartenervi ai cattolici (parola di card. Ratzinger: “Rimane pertanto immutato il giudizio negativo della Chiesa nei riguardi delle associazioni massoniche, poiché i loro principi sono stati sempre considerati inconciliabili con la dottrina della Chiesa e perciò l’iscrizione a esse rimane proibita. I fedeli che appartengono alle associazioni massoniche sono in stato di peccato grave e non possono accedere alla Santa Comunione.“)
La scomunica ai comunisti, emessa il 1 luglio 1949, è rientrata proprio nel 1983 (il canone 6  del codice di diritto canonico prevede l’abrogazione di qualsiasi legge penale non espressamente ripresa dal Codice stesso e il Codice non riprende la scomunica ai comunisti (ma riprende quella ai massoni, stando all’interpretazione corrente): quindi tale scomunica risulta formalmente revocata).
– Silvio Berlusconi, noto anche come Lo Psiconano, è un noto massone

Ne consegue che, in termini logici

i cattolici possono votare Vendola ma non devono assolutamente votare Il Nano!

Egli, infatti, è un peccatore scomunicato, mentre Vendola è solo un comune peccatore – come ce ne sono tanti. Neppure la politica etica del partito di Silvio, in accordo con la dottrina della Chiesa, salva il cattolico dal peccato: egli, infatti, compie solo un bene minore, inficiato dal collaborare con una forza occulta che:
– intende rovesciare completamente la Chiesa e ogni istituzione religiosa (la massoneria è anticlericale, molto più del comunismo: quando ancora Marx doveva nascere, i massoni ostacolavano la Chiesa in ogni modo)
– riconosce il valore della rivelazione cristiana in quanto parte della verità dell’Architetto (una tragica eresia)
Il voto al Silvio, in realtà, è un voto a un potere occulto e, portando al governo questo soggetto, consente alla Massoneria – realtà scomunicata – di governare il paese, perseguendo i suoi piani anti-cristiani e pericolosamente relativistici.
Appoggia oggi le posizioni etiche della Chiesa? Possibilissimo, ma trama nell’ombra. Dopotutto, se è scomunicata è guidata dal Demonio e, quindi, cerca di ingannarci.
La sinistra ha posizioni etiche inconciliabili con quelle della Chiesa: verissimo. Eppure è un peccato ben misero rispetto al sostegno a un’entità ben più pericolosa.
Insomma, cari cattoconservatori, votate Vendola: ne va della vostra anima!

Spero che questo post sia preso con la dovuta dose di leggerezza, simpatia e buonumore con cui l’ho scritto.
Penso che i motivi per non votare Berlusconi siano ben altri, ovviamente, e tutti estremamente validi. Ma, da buono studente umanista part time e intrigato politico che sono, tentare la via del sillogismo non è poi così male.

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su 11 aprile 2011 in Sproloqui

 

Tag: , , , , , , ,