RSS

Archivio mensile:ottobre 2011

Raccontare il fantasy – ispirazioni da giocatore di ruolo


Mi sono rimesso a scrivere, dev’essere colpa della tesi – o del ginocchio.
Il fatto è che l’ispirazione iniziale giaceva da tempo tra i ricordi ma solo la recente campagna molto fantasy ha dato qualche spunto in più per l’avvio della trama.
Non so ancora cosa pensare di quel che scrivo, in verità; devo capire se sono tagliato per scrivere – inutile dire che mi piacerebbe – e su cosa dovrei lavorare per migliorare.

Il primo capitolo è scritto, lo pubblicherò qui tra qualche tempo… quando sarà quantomeno pubblicabile. Per stasera godetevi solo l’anteprima, i due paragrafi iniziali (e macabri, ma andrà peggio proseguendo… tranquilli!).
Trattasi di un fantasy molto classico, forse troppo: avrà accenni di differenziazione più avanti, tranquilli. Ce ne sarà per tutti.
E avrete il vostro ruolo nel rileggere e nel commentare quel che pubblicherò, tranquilli. Un blog serve proprio a questo.

I

I banditi e l’oste

Guardiavalle

Il rumoreggiare deluso della folla lasciò poco compiaciuto il boia; era stato troppo abile con i nodi e l’esecuzione era durata sicuramente troppo poco. Il collo del con­dannato aveva ceduto al primo strattone, con uno STOCK udibile sopra il vociare soffuso della piazza, lasciando il corpo penzoloni. Nessuno scalciare, nessuna agita­zione in preda al panico del condannato appeso; nessun pathos nel pubblico, nes­sun urlo o commento. Un breve colpo efficace prima della fine, un’esecuzione pre­cisa e seria, purtroppo per nulla spettacolare. La folla amava assistere al dibattersi del condannato.
Lord Dantalion, l’osservatore del Consiglio, non aveva emesso un suono, ma se ne capiva un tenue disappunto. Probabilmente il notabile non aveva mosso un singolo muscolo ma il boia ne aveva percepita la delusione come un brivido leggero lungo il collo. Tuttavia la dimostrazione di competenza che aveva appena messo in campo tranquillizzava il massiccio uomo, che stava ora di fianco alla forca, braccia con­serte, in attesa che la folla iniziasse a smobilitare. Ci sarebbe voluta ancora una mezz’ora, durante la quale qualche sporadico manifestante avrebbe insultato il ca­davere, scagliando magari ortaggi marci assieme agli epiteti da osteria. Le famiglie stavano già lasciando la piazza, lo spettacolo vero era finito. Nonostante la giornata invernale fosse gelida, avevano assistito all’esecuzione più di trecento persone, va­lutandole a occhio, una porzione non indifferente degli abitanti del villaggio.
Smontare tutto dopo che il rapido defluire della folla lo lasciava sempre stremato, perché i ragazzi lavoravano con molta meno energia; la festa era finita e con essa il brio e l’anticipazione. Lo attendeva un pomeriggio di duro lavoro.

Elmiri Dantalion mantenendo lo sguardo fisso sulla folla che s’era zittita quando il boia aveva dato mano alla botola, facendo precipitare il traditore verso la morte. Voleva evitare di dimostrare tutto il disprezzo che provava per quel cumulo di voci, umori, odori e arti difformi, ineleganti; gli ci volle tutto l’autocontrollo di cui era ca­pace per non lasciar trasparire nulla dei suoi sentimenti. La sfinge del Consiglio non poteva lasciarsi sfuggire un solo muscolo, non in quelle condizioni. Avrebbe voluto poter arricciare leggermente le labbra in un sardonico sorriso, osservando compia­ciuto il ragazzo lasciare questo reame lentamente, dibattendosi e soffrendo ogni istante, ma non era stato possibile. Rassegnarsi era l’unica via ragionevole, non po­teva avere quella piccola soddisfazione. Ne avrebbe avute altre.
L’esercito dell’Umbar si trovava a non più di due giorni di distanza: era un vero esercito, con tanto di viverne, draghi e strutture d’assedio, non le piccole truppe di ricognizione di Guardiavalle, miseri umani impotenti di fronte alla forza militare di uno stato che stava erigendo un nuovo impero. Quell’impero sarebbe stato edifi­cato su ossa umane, non c’era dubbio, e Dantalion era desideroso di contribuire unendosi alla causa del vincitore. Non tutti nel Consiglio la pensavano come lui, ma al momento opportuno avrebbero chinato il capo innanzi alla maggior forza dell’Umbar. D’altronde, che altre scelte poteva avere una piccola rocca di confine, indipendente e  governata da un consiglio di mercanti ed ex mercenari? La piccola accademica magica di mastro Lotus era poco più di un gruppetto di personaggi pit­toreschi e in continua lite tra loro per questioni ben poco reali. Le guardie cittadine si occupavano più di ubriachi, mentre le truppe più addestrate – quelle che sorve­gliavano davvero le mura del passo e che rendevano Guardiavalle un valico difficile da superare con la forza – erano fedeli a quei membri del Consiglio più favorevoli all’Umbar. Dantalion non era affatto l’unico a vedere enormi vantaggi nel cedere il passo alle truppe di Vora Kelm.


“Lascialo appeso. Che vedano i corvi al lavoro su un traditore”.
Il boia annuì a Dantalion rimanendo in silenzio.
“E toglili il cappuccio”.
Quest’uomo ha gusti macabri, veramente macabri.
Il pensiero si affacciò per un istante nella mente del boia, ma era un professionista della morta e aveva assistito a esecuzioni ben peggiori. Insistere sul corpo privo di vita non avrebbe potuto nuocere al suo possessore, ormai, e sicuramente avrebbe dissuaso qualche emulo della resistenza a farsi avanti.

Certo, c’era la possibilità che il corpo rimanesse dissacrato e l’anima non trovasse riposo, non potesse riprendere il suo ciclo. Tuttavia preoccuparsi di queste cose era materia da sacerdoti, non da esecutori. Il boia gridò un paio di insulti ai suoi ragazzi di fatica, dando poi le istruzioni su come smontare il patibolo senza rimuovere  palo, corda e cadavere, che dovevano rimanere al loro posto.
In città avrebbero avuto una settimana interessante e il messaggio per la resistenza sarebbe stato abbastanza chiaro.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 ottobre 2011 in Curiosità, Libri, Sproloqui

 

Tag: , , , ,