RSS

Archivio mensile:aprile 2012

Di Enzo Bianchi e della Tradizione


Per una volta riporto un articolo, breve e incisivo, che secondo me merita di essere ben analizzato. E che approvo.
Questo.
Non ho l’onore di conoscere Massimo Faggioli ma apprezzo la sua analisi della questione; dopo mesi passati a leggere deliri on line di soggetti che maledicono Enzo Bianchi, plausibilmente ritenendosi “più cattolici” del priore di Bose, incontrare qualcuno che apprezza il percorso del barbuto quasi-eremita torinese contribuisce a risanare un bell’equilibrio.
Intendiamoci, nessuno è perfetto, tantomeno Bianchi. Avrei da ridire sull’elitarietà di Bose, cresciuta negli ultimi anni di pari passo al prezzo del soggiorno monastico per noi poveri laici affamati di parole di salvezza e riflessioni evangeliche. Se avessi letto tutti i suoi libri, troverei senz’altro passaggi sui quali non concorderei. Ribadiamolo: nessuno è perfetto.
Apprezzo, però, lo sforzo ecumenico di Bianchi e della comunità di Bose, lo spirito profondamente evangelico con il quale affrontano la vita e la comunione, l’essere cristiani e il risalire alla fonte tradizionale senza, per questo, essere conservatori e tradizionalisti. Apprezzo l’idea di cavalcare l’onda d’urto del Concilio Vaticano II, nel tentativo di non farla infrangere contro muraglioni di ignoranza e conservazione fine a se stessa.

Qui dovremmo introdurre una profonda riflessione sulla Chiesa e sul suo futuro. Molti tradizionalisti hanno una visione distorta della Tradizione e ripropongono decisioni vetuste al solo scopo di riproporle, fini a se stesse, senza riflettere sul significato che possedevano quando sono state prese, sulla rottura che comportavano all’epoca, sulla sparizione dei moventi che le hanno prodotte.
Prendiamo la scelta del latino: fu meramente pragmatica e razionale, non certo sacrale o tradizionalista. Nessun testo sacro è stato scritto originalmente in latino, Gesù di certo non parlava latino. Lo parlava, però, l’Impero, in particolare a occidente. Era, quella, una lingua comune, comprensibile a buona parte della popolazione, anche quella meno erudita, quantomeno nei fondamenti. Mentre nascevano le lingue romanze – il volgare – il latino rimaneva la lingua dei dotti ma aveva sufficienti connessioni con il parlato per consentire una comprensione generica a una parte della popolazione non trascurabile. Di contro, celebrare oggi in latino significherebbe escludere dalla comprensione liturgica una amplissima parte della popolazione: e in Italia ancora andrebbe bene, visto che studiamo latino nei licei… (non che il latino del liceo consenta di comprendere appieno le sfumature del testo liturgico, eh!).
A ben vedere, se volessimo seguire questo percorso tradizionale, oggi dovremmo celebrare in inglese, vera lingua comune di tutto l’occidente (cristiano). Si spera, dopotutto, che la percentuale di italiani che comprendono l’inglese cresca con gli anni; non sarebbe un’idea malsana.

L’esempio linguistico può essere riprodotto su moltissimi temi di disquisizione tra conservatori e “modernisti”. Buona parte dei refrattari, infatti, si culla nell’ignoranza delle motivazioni storiche, politiche e contingenti delle scelte conciliari – siamo pur sempre una fede modellata dalle esigenze terrene di un imperatore pagano – e si rifiuta di ammettere che ciò che loro chiamano “Tradizione”in realtà ha sovrascritto usanze precedenti, spesso millenarie, senza alcun motivo teologico ma solo per meglio adattarsi alla riformata struttura che la Chiesa si stava dando a Trento.
Io non ritengo scandalose le decisioni conciliari di Trento, sono frutto del loro tempo e, in qualche modo, lo Spirito ha messo la mano anche lì, non ne dubito. Altrettanto dovrebbe accadere con i conservatori odierni: sono certo che, come a molti non piacquero alcune innovazioni tridentine, così non piacciano a loro alcune innovazioni vaticane. Eppure tutto fa parte dell’evoluzione della Chiesa, inevitabile se vuole rimanere “nel mondo”. Peraltro, molte opzioni non sono novità ma reminiscenze del passato, un passato obliterato dallo sforzo unificatore del Concilio Tridentino. Quell’unità univoca, che aveva un preciso scopo nella realtà storica del XVI° secolo, oggi ha perso il primato, a favore di una maggior aderenza alle esigenze puntuali dei fedeli, mantenendo salda la cattolicità della Chiesa pur nelle diversità, esteriori, dei dettagli.
Lo scopo della Chiesa non è conservarsi immobile nel tempo: fosse così, avremmo già perso la partita ancor prima di iniziarla (e Trento non ha certo conservato!). Semmai lo scopo della Chiesa – che è la comunità dei fedeli, universale e locale – è quello di annunciare il Vangelo: per farlo, deve essere pienamente dentro alla realtà a lei contemporanea o non avrà di che parlare alle donne e agli uomini che incontra.

Credo che Bianchi esegua propriamente questo compito: presente sui giornali e in TV, sa annunciare la Parola con l’efficacia di un predicatore medievale, adattando però il suo agire ai mezzi che il suo tempo gli offre.
Non è un monaco privo di difetti ma di certo è una pietra importante per la Chiesa del futuro. Mi auguro.
Una Chiesa composta da pietre radicalmente diverse da quella di Bianchi rischierebbe di essere una Chiesa traditrice del messaggio originale di Cristo: non certo uno che è venuto a mantenere l’ordine precostituito ma, semmai, a ricordarci che ne deve venire uno nuovo.
E io ci credo.

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 13 aprile 2012 in Religione, Sproloqui

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

Non abbiate paura!


Credo sia la parola-chiave di questa Pasqua: lo penso fin da sabato sera, quando quel brano è stato letto durante la veglia e continuo a pensarlo adesso, mentre scrivo. Ci son voluti due giorni per trovare il tempo di mettermi alla tastiera, credo ne sia valsa la pena.

Le parole dell’angelo che accoglie le donne al Sepolcro sono, io credo, un monito e un invito per tutti noi cristiani del XXI secolo. Non possiamo nascondere né nasconderci che è difficile essere cristiani in questo mondo così ampiamente secolarizzato: forse non è mai stato facile essere cristiani, diciamocelo, ma oggi… oggi suona strano alle orecchie di tutti. Credere in Gesù e nel suo Vangelo è fuori da ogni canone: ancor peggio, è fuori moda.

Così le parole dell’angelo parlano anche a noi: così è la Scrittura, sempre contemporanea, sempre odierna, sempre rivolta a chi la ascolta. Forse non lo sarà nella sua versione letterale, certo, ma sa parlare all’umanità in ogni tempo e in ogni luogo con la medesima forza. Sempre ci interroga.

Il messaggio di questa Pasqua, allora, suona come un sostegno a tutti quei cristiani che vivono sotto la costante persecuzione: noi, in Italia, siamo ampiamente fortunati, non rischiamo di perdere la vita per camminare sotto una Croce. Altrove sì: e l’angelo, oggi, si rivolge soprattutto a loro, parla con voce di sostegno per chi è perseguitato per causa Sua.

Parla anche a noi, donne e uomini di un paese occidentale fortemente secolarizzato, ci invita a non rinnegare Cristo – eh si che anche Pietro cadde, di fronte a questo – il nostro credo e ad annunciarlo con forza per il mondo. Ci invita a vivere nel mondo, si, ma secondo Cristo.
Perché il cristiano non può separarsi dal mondo: “siate nel mondo ma non del mondo”. L’ascetismo avrà senza dubbio uno spazio importante nella spiritualità cristiana, ma l’essere attivi – checché ne dica qualsiasi tradizione – è Parola. Dobbiamo annunciare e rimboccarci le maniche: senza turbarci del domani, certo, senza sopravvalutare le questioni “mortali”, ben attenti a che il nostro cammino sia verso la Salvezza. Occhi al cielo, non al terreno: ma attenzione alla pista che percorriamo.

Andiamo, allora, senza timore: ricordiamo chi siamo, non rinneghiamolo. E, soprattutto, niente timore: c’è chi ci accompagna. E pace se la moda non è dalla nostra parte.

 

 
1 Commento

Pubblicato da su 9 aprile 2012 in Diari, Religione

 

Tag: , , , , , , , ,

Nucleare e pena capitale: due facce della stessa Italia


Nelle due ore che ho trascorso in piedi, ho già incrociato due notizie interessanti e meritevoli di commento; La Stampa annuncia che il costo delle esecuzioni capitali negli USA è cresciuto, grazie anche a rigide posizioni italiane, e questo potrebbe influenzare il processo di abolizione in molti stati. Il Fatto Quotidiano riporta, invece, l’appello di un centinaio di scienziati italiani che chiedono al Presidente del Consilvio Mario Monti di ripensare la decisione referendaria sul nucleare.

La prima notizia è interessante e, addirittura, sembra una buona notizia. Ad analizzarla meglio si capisce che, invece, è veramente pessima: ancora oggi, l’applicazione dei diritti umani è strettamente vincolata a motivazioni economiche, tanto che la vita di esseri umani è appesa al bilancio dello stato-assassino che li ha condannati a morire. Pessimo davvero se è necessario ricorrere a pressioni economiche perché un paese che si definisce civile – ma non ritengo civile alcun paese dotato di pena di morte o che lotti contro un sistema di sanità pubblica – ponderi con maggior attenzione il rapporto costi/benefici delle esecuzioni capitali.
Penso sia il frutto del capitalismo estremo che abbiamo raggiunto in questi anni, parallelo alla monetizzazione del diritto al lavoro che stanno cercando di imporre all’Italia. Ora anche il diritto alla vita potrebbe diventare una questione di denaro.
Ho il voltastomaco… perché, al di là del singolo contesto, significa che la degenerazione morale (capitalistico-liberale) è in corso e rischia di travolgerci tutti con effetti assolutamente impensabili, non immaginati e, mi auguro, tutti sulle spalle di chi il capitalismo lo appoggia.

Veniamo alla seconda notizia: questa suona di ridicolo. Sembrerebbe una burla ma è datato 2 aprile, non 1 aprile. Tendo quindi a crederci.
Ora, non dovremmo preoccuparci troppo: il referendum popolare blinda l’argomento per un po’, quindi non ci sarebbe da temere. Ma siamo sicuri che al presidente Monti interessi davvero un referendum democratico, non espressione degli interessi bancari, industriali, borsistici ed economici? E siamo sicuri che non riesca anche a influenzare la Corte Costituzionale, l’organo che dovrebbe vigilare sul rispetto della volontà popolare? Una bella violazione dell’Articolo 1 della Costituzione sarebbe una splendida ciliegia sulla torta di distruzione dei diritti dei cittadini, di cui Monti potrebbe vantarsi tra i colleghi. Con stile e garbo, certo, non la sguaiataggine di Berlusconi, ci mancherebbe solo.
Ma, in definitiva, per noi cambierebbe qualcosa?

Due notizie, qualche minuto e un po’ di tristezza e preoccupazione in più.
Sono sinceramente preoccupato dalla deriva che sta prendendo il nostro paese – il globo, addirittura – perché vi vedo la negazione di tutto ciò in cui credo. E credo, in definitiva, che ci vorrebbe meno attenzione all’economia e più attenzione all’umanità, a noi poveri esseri umani, tra noi poveri esseri umani. Non ciascuno a sé stesso, bensì ciascuno al suo vicino: ci affidassimo a chi è nostro compagno di viaggio, ci affidassimo tutti in questo modo, non potremmo che vivere in un mondo dove la nostra felicità sarebbe al centro. Nel sistema capitalistico, la mia felicità è al centro delle attenzioni di una persona: me. Nel sistema cristiano, la mia felicità è al centro delle attenzioni di milioni di persone: tutti quelli che mi sono vicini. Come non vedere un miglioramento?

 
4 commenti

Pubblicato da su 2 aprile 2012 in Curiosità, Politica, Sproloqui

 

Tag: , , , , , , ,

Sei!


Il numero di imputati nel processo per la morte di Lea Garofalo; lo stesso numero degli ergastoli assegnati dalla corte di Milano. Un piccolo successo nella lotta contro le mafie, lotta di cui abbiamo parlato a lungo e di cui ancora vorremo parlare. Per non dimenticare, per fare memoria.

Il racconto del processo è cosa superflua: credo sia più giusto ricordare il coraggio di una testimone di giustizia, una “che sapeva” e che, per senso di giustizia, ha raccontato quel che sapeva. Sapeva soprattutto delle faide tra la sua famiglia e quella del suo ex compagno, Carlo Cosco. E, secondo la ricostruzione del processo, è stato proprio Cosco a ordire il rapimento, conclusosi con la tortura, l’omicidio e lo scioglimento nell’acido della testimone di giustizia.

Una storia ordinaria di malavita organizzata, di violenza inenarrabile, di prevaricazione; una storia che tanto ordinaria non deve rimanere.
Una storia, ancor peggio, che ha visto la figlia di Lea Garofalo, Denise, deporre contro Carlo Cosco, suo padre: una nuova tortura, per la figlia, a opera degli avvocati della difesa. Fatevelo raccontare da don Ciotti, presente alla proclamazione della sentenza, perché può dare i brividi.

Stasera sono breve e conciso: c’è poco spazio per le parole, secondo me, più per i pensieri. Più per il ricordo: e non servono molte parole per la memoria.

 
1 Commento

Pubblicato da su 1 aprile 2012 in Diari, Politica, Sproloqui

 

Tag: , , , ,